Come tradurre «La spia che mi amava - The spy who loved me»

Traduttore

The spy who loved me

Cherem

Il cherem è un anatema. Viene originariamente teorizzato in Deuteronomio, 20.10-20, allinterno delle regole di guerra dettate da Yahweh stesso al suo popolo. Si trattava di un voto allo sterminio di alcune popolazioni pagane. Nel versetto successivo, il Signore offre anche la motivazione di questo agire: Il cherem è ripreso anche nei 613 precetti ebraici 613 mitzvòt. In particolare il mitzvòt 231 prescrive: Il significato odierno di cherem è molto più blando di quanto teorizzato nel Deuteronomio: con il termine si intende il più alto grado di censura nella comunità giudaica. È la totale esclusione di una persona dalla comunità ed è simile alla scomunica della Chiesa cattolica. Il caso forse più noto di cherem è quello pronunciato dalla comunità ebraica di Amsterdam contro Baruch Spinoza il 27 luglio 1656, a causa delle presunte derive libertine del suo pensiero. La formula realmente pronunciata, abbastanza lunga e complessa, è comunque più succinta della schammatha riprodotta in traduzione francese nella Vie de Benoît de Spinoza di Jean Colerus 1706. La Guerra civile spagnola, assieme al franchismo che gli succedette, sono considerati da alcuni la realizzazione dellanatema che i rabbini ebrei lanciarono contro la Spagna nel 1492, quando, terminata la reconquista la regina Isabella di Castiglia cacciò tutti gli ebrei sefarditi dalle proprie terre. Joseph Roth, nel suo Ebrei erranti del 1927, dice: E, nelledizione del 1936:

Chenghuangye

Chenguangye, 城隍爺, letteralmente "signore della muraglia e dei fossati", è una divinità cinese, che governa da sindaco o da prefetto al buon ordine terrestre e infernale della sua circoscrizione, di cui lestensione può variare da un quartiere a una contea. Vi è dunque una moltitudine di Chenghuangye. Queste divinità occupano il livello più alto dellinsieme dei funzionari territoriali divini, un livello sopra i Tugidong. Esercita anche funzioni giudiziarie.

Cherudek

Cherudek, pubblicato per la prima volta nel 1997, è un romanzo dello scrittore emiliano Valerio Evangelisti, della sua serie dellinquisitore Eymerich.

Ioan Cherteș

Nonostante la prigionia, riuscì a rimanere in contatto con la nunziatura apostolica di Bucarest. Il 21 novembre 1949 papa Pio XII lo nominò vescovo ausiliare di Cluj-Gherla e titolare di Cantano. Ricevette lordinazione episcopale in segreto la notte tra il 24 e il 25 dicembre nel monastero Căldărusani dalleparca di Gran Varadino dei Rumeni Valeriu Traian Frențiu, coconsacranti leparca di Cluj-Gherla Iuliu Hossu e quello di Lugoj Ioan Bălan. Con lui fu consacrato anche monsignor Titu Liviu Chinezu. Nel maggio del 1950 lintero gruppo di internati da Căldărusani venne trasferito al carcere di Sighetu Marmației. Monsignor Cherteș rimase lì fino allaprile del 1955, quando tornò nel carcere di Cluj. Il 30 luglio 1955 venne rilasciato. Dopo questo primo rilascio, dopo sei anni di arresto e detenzione in carcere senza processo, prese residenza nel villaggio di Chiraleș, dove visse con sua sorella Ana, sposata con il professor Vasile Țărmure. Egli fino al 1948 era sacerdote. Il 12 agosto 1956 a Cluj conferì il sacerdozio a due sacerdoti, greco-cattolici, Vasile Chindris e Izidor Ghiurco. Dopo questo fatto furono arrestati diversi sacerdoti. Tra di loro, i vescovi Alexandru Rusu e lo stesso monsignor Cherteș. Questultimo venne accusato di incitamento pubblico e il 15 agosto 1956 venne arrestato e interrogato dalla forza di sicurezza di Cluj. Con sentenza n. 1202/1957 venne condannato dal tribunale militare della stessa località a dieci anni di carcere. Dopo la condanna venne imprigionato con carcere duro e nei campi di lavoro forzato. Rimase in custodia a Gherla per tre anni, a Periprava, poi di nuovo a Gherla e infine a Ostrov. Era lì quando in base al decreto di grazia n. 411 del 30 luglio 1964 venne rilasciato. Ritornò a Sărățel, il suo villaggio natale. Rimase comunque sorvegliato dalla polizia e dagli organi di sicurezza. Il 25 ottobre 1965 si trasferì a Năsăud, dove si era trasferita la famiglia della sorella. Tra il 1965 e il 1972 lavorò come secondo contabile dei materiali nellindustria "Ineul". Anche qui condusse una vita molto difficile, essendo perseguito costantemente sia dalla sicurezza che dagli organi di partito. Pur non essendo ufficialmente obbligato a mantenere la stessa residenza, il comandante della sicurezza locale lo avvertì di non lasciare la città e di informarlo se ne avesse avuto lintenzione. Il 30 giugno 1972 si ritirò in pensione. La vecchiaia e soprattutto le lunghe indagini, il lavoro forzato, la permanenza in carcere, il freddo, la fame, le umiliazioni le difficoltà che aveva attraversato e sopportato per 14 anni e mezzo, scossero la sua salute e lo portarono a rinunciare a una vita attiva con molte responsabilità, come lepiscopato, e trascorse i suoi ultimi anni in pensione a Năsăud, nella famiglia di sua sorella. Il 14 marzo 1990 papa Giovanni Paolo II ristabilì la gerarchia cattolica sia di rito latino che di rito bizantino. Monsignor Cherteș venne elevato alla dignità arciepiscopale. Morì a Cluj-Napoca il 31 gennaio 1992.

Spiaggina

La spiaggina è un tipo di automobile scoperta per il tempo libero, destinata prevalentemente alluso estivo, nelle località turistiche. Si distingue da altre tipologie di automobili per essere priva di portiere e padiglione, questultimo generalmente sostituito da tendalino con centine o laminato amovibile. Gli interni sono realizzati con materiali resistenti allacqua.

Fenia Chertkoff

Chertkoff nacque nel 1869 a Odessa, nel Governatorato di Cherson dellallora Impero russo, da Moisés Chertkoff e Rosa Demirov, che ebbero nove figli. Due delle sorelle, anchesse emigrate come lei in Argentina, furono Mariana, che fu la prima moglie del fondatore del partito socialista argentino, Juan Bautista Justo, e Adela, che sposò il teorico socialista Adolfo Dickman. Nel 1887, si laureò come insegnante in una scuola nella sua città natale. A causa dei suoi impegni politici, fu costretta allesilio con la sua famiglia. Sposò il socialista Gabriel Gukovsky, con il quale ebbe nel 1890 una figlia, Victoria, nata a Genova, in Italia, città dove si erano trasferiti per curare la tubercolosi di Gabriel. Quando questi venne a mancare tornò brevemente ad Odessa e lasciò infine lEuropa per trasferirsi con le sorelle e la figlia in Argentina, dove visse a Colonia Clara, un insediamento creato da ebrei dellEuropa dellEst. Ivi fondò una scuola e sviluppò la locale biblioteca. Tornata in Europa per trovare la cognata, la Chertkoff si iscrisse alluniversità di Losanna, in Svizzera, dove si specializzò in pedagogia tra il 1897 e il 1898, completando i suoi studi alla Sorbona un anno dopo. In Europa ebbe modo di apprendere gli studi pedagogici del tedesco Friedrich Fröbel. Ritornata in Argentica, si trasferì a Buenos Aires, dove visse nella casa di Dickman prima di sposare Nicolás Repetto, membro del Partito Socialista. Nel 1903, partecipò come delegato al Congresso del Partito socialista, che proponeva, tra le altre cose, luguaglianza di genere, luguaglianza davanti alla legge per i figli legittimi e illegittimi, lemanazione della legge sul divorzio e lindagine sulla paternità. Con le sorelle, Gabriela Laperrière e Raquel Messina. ha co-fondato nel 1920 il Centro socialista femminile e il sindacato delle donne. Ha partecipato ai primi scioperi degli operai e allorganizzazione sindacale di lavoratori in diversi settori, come telefonia, tessile, commercio e fabbriche, contribuendo a promulgazione della legge per rendere la domenica giorno di riposo. Ha inoltre denunciato lo sfruttamento minorile, le cattive condizioni sanitarie nelle fabbriche le lunghe ore di lavoro. Soffrì per ventanni di una cattiva salute prima di morire a Buenos Aires nel 1927. La figlia Victoria ne continuò le lotte e limpegno politico.

La spia che mi amava (film)

La spia che mi amava è un film del 1977 diretto da Lewis Gilbert. Si tratta del decimo film della saga di James Bond, La première del film avvenne allOdeon Theatre il 7 luglio 1977. La prima televisiva nel Regno Unito fu domenica 28 marzo 1982 sul canale ITV, seguita da 22 milioni 90 000 spettatori, quinto ascolto televisivo di sempre.

Claire Chennault

Claire Lee Chennault è stato un generale e aviatore statunitense, famoso per aver comandato le "Tigri Volanti" durante la Seconda guerra mondiale. Chennault organizzò il Gruppo volontari americani o Tigri Volanti, che prestò servizio in Cina prima che gli Stati Uniti dAmerica entrassero in guerra. Nel luglio del 1942, dopo lintervento degli Stati Uniti, il Gruppo volontari americani fu incorporato nel resto delle forze aeree degli USA, che combattevano in Cina. Entro quel periodo, tuttavia, essi erano riusciti a distruggere 300 apparecchi giapponesi, rallentando così lavanzata del nemico. Nel 1943 Chennault fu promosso generale, ebbe il comando della 14ª armata aerea volontari degli Stati Uniti in Cina, e prese parte alla conferenza di Washington sulla strategia dellEstremo Oriente. Nel luglio del 1943 i piloti di Chennault si erano conquistati la superiorità aerea nella Cina orientale, ed in seguito appoggiarono lesercito cinese nel suo sforzo di respingere i giapponesi in mare. Ma nel luglio del 1945, dopo aver rifiutato di sciogliere la formazione cino-americana della forza aerea cinese, Chennault rinunciò al comando della Fourteenth Air Force 14ª delle Numbered Air Force.

Cherefilo

Cherefilo è stato un mercante ateniese, importatore di pesce salato, noto principalmente per essere stato difeso da Iperide con due discorsi.

Cherchell

Cherchell è una città costiera dellAlgeria, nella provincia di Tipasa, situata a circa 80 chilometri ad ovest da Algeri.

Hypertropha thesaurella

Hypertropha thesaurella is a moth in the family Depressariidae. It was described by Edward Meyrick in 1880. It is found in Australia, where it has been recorded from Queensland and New South Wales. The wingspan is 19–20 mm. The forewings are black, the basal half almost entirely occupied by four transverse, rather outwardly curved, almost confluent faint ochreous-whitish bands, composed of numerous very fine transverse strigulae, these bands being very obscurely separated by slender black lines, only distinct as black spots on the costa, where also the pale bands are usually more distinct. There is a small ochreous-whitish spot on the costa in the middle, giving rise to an indistinct orange-ochreous transverse line marking off the basal half, and itself immediately followed by a metallic bluish-purple line of raised scales. Immediately preceding the ochreous line are three small metallic bluish-purple raised spots, one on the inner margin, one above and one below the middle. At about one-third from the base is a transverse metallic blue raised line from the middle of the disc perpendicularly to the inner margin, interrupted on the fold. There is an outwardly curved metallic blue-purple line from three-fourths of the costa to the anal angle, the lower half interrupted to form three spots near and parallel to the hind margin. The lower two-thirds of the space between this and the central line is strewn with ochreous-whitish scales, especially towards the inner margin. Beyond this line is a white outwardly oblique spot on the costa, emitting a faint band of transverse whitish strigulae along the hind margin to the anal angle, leaving three elongate black spots on the lower part of the hind margin. Beyond this band is an outwardly oblique orange-ochreous subapical spot from the costa. The hindwings are deep yellow, with a broad black margin.

Macteola theskela

The length of the shell attains 7.5 mm, its diameter 3 mm. Original description The inner or columellar margin of the lip possesses seven or eight close and minute plicae. There is also one minute process at the parietal sinus. It is of a graceful attenuate fusiform shell, six-whorled, or perhaps seven, but the apex is broken off in the only specimen we have. It shows longitudinal ribs crossed by many lirae. The aperture is oblong. The pure whiteness of the shell is relieved by a row of brown spots between the ribs just above the sutures and in the middle of the body whorl.

Anacithara themeropis

Original description The length of the ventricose shell attains 5 mm, its diameter 2 mm. Two forms have been seen by us, differing in colour as follows: - In what would be considered the type, an ashy brown is the prevailing hue, filleted round the whorls transversely with bluish white. In the other, a handsomer variety, a warm ochre with flecking and median brown linear banding round the three last whorls, which are seven in number altogether. The form of the shell is oblong. It is very solid, obtusely ribbed with fine spiral striae. The outer lip is extremely thickened. The inner lip is simple. The aperture is ovate. The columella is simple.

Mangelia theskeloides

The length of the shell attains 8 mm, its diameter 4 mm. Original description The fusiform, somewhat solid shell becomes attenuate towards the apex. It contains seven whorls. The whorls of the protoconch are imperfect in all the examples examined. They are tinged with blackish brown. The subsequent whorls are turreted, tumid and brightly ochraceous. They are ornamented with strong longitudinal ribs, which number eleven on the body whorl. These are crossed by spiral close striae, which are not shown on elder worn specimens. The most conspicuous feature is a series of darker blackish-brown zones.one just above the suture of each whorl and another in the centre of the lowest. These zones are interrupted and only appear between the ribs, the remainder of the surface being painted with light brown scattered dots and flames, a series of light spiral maculations just below the sutures being specially prominent. The aperture is narrow, oblong, the dark zone shows transversely across the interior. The outer lip is incrassate, sinus very obscure. The columella is straight and stained with brown at the base.

Cryptophasa themerodes

Cryptophasa themerodes is a moth in the family Xyloryctidae. It was described by Turner in 1904. It is found in Australia, where it has been recorded from Queensland. The wingspan is about 35 mm. The forewings are whitish, intimately mixed with grey, and with some dark fuscous scales. The discal dots are scantily represented by dark fuscous scales, the first at one-third, the second beyond the middle and the third on the fold obliquely beyond the first. There are several dark fuscous dots near the termen. The hindwings are whitish, towards the termen suffused with pale fuscous.

Compsodrillia thestia

The length of the shell attains 14 mm, its diameter 5 mm. Original description The slender, acute shell is strongly sculptured, with pale brownish clouding on a yellowish white ground. The protoconch is smooth, inflated, and consists of 1½ whorl, followed by about eight sculptured whorls. The suture is distinct, undulated, strongly appressed, thick-edged, with a strong cord immediately behind the strongly constricted smooth anal fasciole. Other spiral sculpture consists of on the spire one or two strong peripheral cords, swollen and almost angulated where they override the ribs. On the body whorl there are six or seven cords with much wider interspaces and as many more smaller close-set threads on the siphonal canal. The axial sculpture consists of seven or eight very prominent short ribs on the penultimate whorl; fading out on the body whorl, and rather prominent widely spaced incremental lines most conspicuous on the body whorl. The aperture is subovate. The anal sulcus is conspicuous, rounded, with a marked subsutural callus. The outer lip is thin, moderately arcuate, not varicose. The inner lip shows a coat of enamel with the anterior edge raised. The columella is short, straight. The siphonal canal is hardly differentiated from the aperture.

Whorouly

Whorouly is a town in northeast Victoria, Australia. The town is in the valley of the Ovens River and in the Rural City of Wangaratta local government area, 274 kilometres 170 mi northeast of the state capital, Melbourne and 32.3 kilometres 20.1 mi southeast of the regional centre of Wangaratta. At the 2011 census, Whorouly and the surrounding area had a population of 519. Prior to the 1994 Kennet Government council amalgamations and the creation of the Rural City of Wangaratta, the township was in the now disbanded Shire of Oxley. The town can easily be missed, sitting as it does off the main valley highways between the Snow Road the C522 which runs from an interchange on the M31 Hume Freeway and The Great Alpine Road the B500, which runs between Wangaratta and Omeo. It is however, only 5 minutes from either road. The town was surveyed and proclaimed in 1868, adopting the name of a nearby station. Whorouly Primary School opened in 1874. The first European settlers established large grazing properties but after the Victorian gold rush, closer settlement took place. Land was released in 320-acre 130 ha lots, on the condition that part of the land was cleared for agriculture. Until the 1980s much of the area along the Ovens River was planted with tobacco. Other production in the area included beef and dairy cattle, orchards and market gardens. In recent years, wine grape growing has been introduced to the area so that the area, being at the apex of the Ovens Valley and King Valley, is the centre of a significant food region with many farm gate and cellar door sales. The local Australian rules football team, Whorouly Football Club, competes in the Ovens and King Football League. Town facilities currently include churches, childrens playground, sporting ground & public hall, a combined primary school & pre-school, a combined hotel/pub/general store, a local well renowned cafe called The 2 Cooks Cafe and several self-catering holiday rentals and B&Bs. There is also a garage with fuel facilities. The garage was known as Whorouly Motors but recently changed its name to Alpine Performance changing focus to support the growing performance car and motorbike market in the region.

Thespieus

Thespieus opigena Hewitson, 1866 Thespieus argentina Draudt, 1923 Thespieus vividus Mabille, 1891 Thespieus xarina Hayward, 1948 Thespieus abatira J. Zikan, 1938 Thespieus castor Hayward, 1948 Thespieus catochra Plotz, 1882 Thespieus abauna J. Zikan, 1938 Thespieus matucanae Lindsey, 1925 Thespieus dalman Latreille, Thespieus thona Evans, 1955 Thespieus macareus Herrich-Schaffer, 1869 Thespieus aspernatus Draudt, 1923 Thespieus tihoneta Weeks, 1901 Thespieus xarippe Butler, 1870 Thespieus zikani Mielke, 1971 Thespieus pinda Evans, 1955 Thespieus peruviae Lindsey, 1925 Thespieus tapayuna J. Zikan, 1938 Thespieus othna Butler, 1870 Thespieus caraca Evans, 1955

Themara

Themara is a genus of tephritid or fruit flies in the family Tephritidae. Many species have the head elongated sideways with the eyes placed on the extensions. Their biology is largely unknown but are thought to breed on rotting wooden logs or tree trunks. There are about 10 species distributed in South and Southeast Asia and include: T. maculipennis T. lunifera T. jacobsoni T. hirsuta T. andamanensis T. hirtipes T. extraria T. nigrifacies T. yunnana T. ampla

Theseis

Theseis was a third-person action-adventure video game developed by Greek indie development team Track7 Games. Development began in 2004, and the game was planned for release on the Xbox 360 and PC in early 2008. The game would be set in modern-day Athens and star a duo of paranormal investigators caught between mundane and supernatural worlds. The game would have featured a cast of characters from Greek mythology, while the plot would have players follow clues in search of a long-lost ancient artifact that could spell disaster for the entire human race. Despite garnering a lot of interest by both local and international media, Theseis languished in development hell for almost half a decade, before being unceremoniously cancelled in August 2009 due to a shortage in funds.